Coronavirus

L’emergenza da Coronavirus ci ha costretti ad organizzare diversamente la nostra vita ed il nostro modo di “vivere la scuola”.

Noi abbiamo provato, con la didattica a distanza, a mantenere viva la comunità di classe, a combattere l’isolamento e la demotivazione.

Ne diamo un esempio nelle pagine che seguono, un giornalino realizzato nella nostra aula virtuale sul tema più attuale del momento: il Covid 19.

La classe 4A kl./sp

 

 

 

Il filosofo siriano Nassim Nicholas Taleb nel   2007 scrisse il libro “Il cigno nero.

Come l'improbabile governa la nostra vita”.

Per l’autore il cosiddetto cigno nero nel corso della storia si è manifestato con vari eventi:

dal  lontano crollo di Wall Street, ai più recenti, 11 settembre 2001, Fukushima 2014, Brexit, avvento della società digitale. Sono avvenimenti che hanno bussato alla nostra porta improvvisamente. Eventi inaspettati, imprevisti che però poi si sono avverati con conseguenze tali da determinare cambiamenti nelle abitudini, nei comportamenti e negli stili di vita delle persone.

Il “cigno nero” rappresenta perciò un punto di svolta che va affrontato con una coscienza planetaria rinnovata.  Daniela Rossi Saretto

 

IL CROLLO DI WALL-STREET 

Nel 2000 il mercato immobiliare degli Stati 

Uniti aveva raggiunto un periodo aureo a causa dei prestiti ad alto rischio finanziario (prestiti subprime) rilasciati dagli istituti di credito alla popolazione disagiata.  

Il crollo della Borsa è iniziato all'incirca  nellaseconda metà del    2006, quando cominciò ad esserci 

un aumento considerevole e ingiustificato dei prezzi dei beni immobiliari e, contemporaneamente, 

molti possessori di mutui subprime divennero insolventi a causa del rialzo dei tassi di interesse.  

Comincia così una crisi globale, detta anche Grande Recessione, il cui culmine è stato il fallimento 

Lehmann Brothers del 2008.  

Soltanto nel 2013i mercati internazionali si 

sono ripresi dal crollo di Wall Street. 

 Maria, Leon e Marzia .  

 

L’UNDICI SETTEMBRE 2001

Gli attentati dell’ 11 settembre 2001 sono stati una serie di quattro attacchi suicidi coordinati  contro obiettivi civili e militari degli Stati Uniti,  tra cui il World Trade Center, il Pentagono e il Campidoglio; quest' ultimo attacco non fu realizzato. Gli attentati furono organizzati da un gruppo di terroristi aderenti ad Al-Quaida , dirottando quattro aeri civili di linea. 

Quel giorno ci furono 2.977 vittime e più di 6.000 feriti. Dopo questo terribile evento aumentarono le norme di sicurezza negli aeroporti ed aeroplani statunitensi. 

A seguito dell'attentato si intensificarono anche le ricerche che portarono alla morte di Osama Bin-Laden, leader di Al-Quaida.   

Noah, Davide, Thierry 

 

LO  TSUNAMI IN INDONESIA 

Il 26 dicembre 2004 la costa nord-occidentale dell’Indonesia è stata colpita da uno Tsunami enorme. A causa di una reazione a catena, scatenata da un terremoto di magnitudo 9.3, si sono formate delle onde alte circa 14 metri. Lo Tsunami era talmente potente che delle onde anomale hanno raggiunto anche le coste della Somalia e del Kenya. L’evento ha causato in totale 230 mila morti (contando anche le vittime degli altri paesi) e 3 milioni di persone sono rimaste senza tetto. Come conseguenza è stato attivato l'Indian Ocean Tsunami Warning System che permette ai paesi costieri di essere allarmati in anticipo. 

Magdalena, Maximilian, Sophia 

 

Il FALLIMENTO LEHMANN BROTHERS

Il 15 settembre 2008 Lehman Brothers dichiarò bancarotta. Fu la più grande bancarotta degli Stati Uniti e fece precipitare l'economia globale. Lehman Brothers era una banca d'affari statunitense, fondata nel 1850 a Montgomery (Alabama) dai tre fratelli tedeschi Lehman.  La causa  del fallimento di Lehman Brothers fu la rischiosa esposizione nel settore dei mutui subprime, che erano prestiti alle persone 

che non avevano accesso al credito facilmente. 

 Caterina, Daniela e Alida 

 

FUKUSHIMA 

  L'11 marzo 2011 il terremoto "Tohoku" ha provocato un incidente nucleare nella centrale di Fukushima Dai.chi in Giappone. Uno tsunami ha distrutto i generatori di emergenza che avrebbero dovuto far funzionare le pompe necessarie al  raffreddamento dei reattori. Il disastro è durato più giorni e La popolazione è stata evacuata  fino a 20 km di distanza. Nel 2015 l'evacuazione ha iniziato a essere revocata. In seguito alla catastrofe le acque contaminate sono state scaricate nell’Oceano Pacifico, contaminando molte specie di pesci con il Cesio 137  un materiale molto radioattivo. Negli ultimi anni la contaminazione e scesa esponenzialmente. L’obiettivo è ora di rimuovere la quantità dell’acqua contaminata fino al 2022, ma realisticamente e non possibile prima del 2078 ad un costo di 1.200.000.000 di dollari. Il disastro nucleare di Fukushima, che ha impressionato tutto il mondo, è stato un cigno nero per Giappone, e soprattutto per Tokyo. La borsa giapponese ha registrato una forte perdita di valori, soprattutto nel comparto energetico. L’export giapponese ha subito una flessione, per la paura della contaminazione nucleare dei prodotti giapponesi. Lo tsunami oltre alla distruzione della centrale nucleare, ha cagionato ingenti danni alle città costiere, alle case, alle fabbriche, alle persone.   

Johannes, Darko, Tobias, Johanna 

 

LA BREXIT

La parola brexit significa l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea. David Cameron  primo ministro dal 2010 al 2016, ha voluto e promosso un referendum nel 2016, per chiedere l'uscita o la permanenza della Gran Bretagna nella UE . Il 52% della popolazione ha votato a a favore dell'uscita. Cameron si è dimesso pochi mesi dopo. Quest’anno, dal 31 gennaio, l’Inghilterra non fa più parte dell’Unione Europea. 

La Brexit è avvenuta perché da una parte la campagna “Remain” non è riuscita ad informare le persone di tutte le conseguenze economiche negative che seguiranno. Dall’altra parte gli aspetti negativi legati alla UE sono sempre stati accentati. 

É la prima volta che uno stato è uscito dalla UE dalla sua fondazione. 

 Viktoria, Amira e Juliane

L'INCENDIO DI NOTRE-DAME

Un anno fa uno dei monumenti simbolo della capitale francese e patrimonio dell’Unesco, la cattedrale di Notre-Dame a Parigi, è stato avvolto dalle fiamme. Il tragico evento è avvenuto nel tardo pomeriggio alle 18:50 del 15 aprile 2019. Nonostante i soccorsi siano intervenuti immediatamente, l'incendio è stato spento solo il mattino del giorno successivo. Le fiamme e il fumo hanno causato danni gravissimi: il tetto e la guglia sono crollati, si è distrutta gran parte del patrimonio culturale della cattedrale, tre persone sono rimaste ferite e, successivamente, sono state evidenziate conseguenze ambientali. I danni architettonici sono stati così gravi che è stato stimato un restauro di almeno sei anni. Si ritiene che il fuoco sia stato causato da lavori eseguiti all'interno della cattedrale. 

Sophie, Elisa, Isis 

 

NOI „PENSIAMO POSITIVO“

 In questa sezione abbiamo raccolto i pensieri di chi ci ha fatto compagnia o di chi abbiamo incontrato nella lunga quarantena imposta dal Covid. Il titolo che abbiamo dato alla sezione è liberamente tratto da una canzone del cantautore Jovanotti.

E quindi uscimmo a riveder le stelle ( Dante, Inferno, XXXIV  )

Tutto andrà bene alla fine. Se non va bene, allora non è la fine. (John Lennon) 

"Neun Zehntel unseres Glücks beruhen allein auf der Gesundheit." (Arthur Schopenhauer)

I cieli grigi sono solo nuvole di passaggio. (Duke Ellington) 

“We may not get to choose how we die, but we can chose how we live. 
The universe may forget us, but it doesn't matter. Because we are the ants, and we'll keep marching on.” (Shaun David Hutchinson)

 “In the rush to return back to normal, use this time to consider which parts of normal are worth rushing back to.” (Dave Hollis)

Auch aus Steinen, die einem in den Weg gelegt werden, kann man etwas schönes bauen  (Johann Wolfgang Goethe)

 "Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall`alto, non avere macigni sul cuore." (Italo Calvino)  

 Nel mezzo delle difficoltà nascono le opportunità (Albert Einstein)

Un giorno senza sorriso è un giorno perso. (Charlie Chaplin)

“La vie, ce n’est pas d’attendre que les orages passent, c’est d’apprendre à danser sous la pluie.” (Sénèque)

 La durezza di questi tempi non ci deve far perdere la tenerezza dei nostri cuori." (Che Guevara)

The greatest glory in living lies not in never falling, but in rising every time we fall. (Nelson Mandela)

 Glück ist Liebe nichts anderes. Wer lieben kann, ist glücklich. (Hermann Hesse) 

Even the darkest night will end and the sun will rise. (Les misérables)  

 

 

RIPARTIAMO DALLA SCUOLA

La scuola è il centro di ogni comunità. E’ perciò fondamentale il segnale che tornare alla normalità è possibile, pur con alcuni adattamenti. In questa ultima parte del ”giornalino” presentiamo il nostro contributo alla scuola del futuro.

 

 

 

 

 

 

 

Proposte di resilienza : come si insegna e come si impara in futuro

La tecnologia può essere d’aiuto come strumento di supporto alla didattica tradizionale e potrebbe fungere da preparazione ai ragazzi ad un mondo del lavoro sempre più virtuale. 

Per garantire questa modalità di studio sarà necessario un accesso sicuro alla rete e uno sviluppo delle piattaforme didattiche.

 Le classi potrebbero venire divise in due gruppi, così da permettere agli studenti ed ai professori di svolgere le lezioni normalmente in classe.  Gli studenti andrebbero a scuola a giorni alterni e i giorni, nei quali starebbero a casa, svolgerebbero degli esercizi un po' più impegnativi da consegnare online.

 Si dovrebbero stabilire delle regole con un limite del carico di compiti e di lezioni per non  sopraccaricare gli alunni.

A scuola sarebbe ovviamente obbligatorio l'uso delle mascherine e si potrebbero posizionare dei disinfettanti all'entrata dell'edificio, in ogni classe e nei bagni.

Ma sono contrario alla protezione della bocca se ho dei problemi a comprendere le persone a causa della mia sordità

Perciò stare a casa e fare le lezioni online è la opzione più sicura per la salute. Farei le lezioni a scuola solo per scrivere i compiti in classe.

Trovo interessante e applicabile l’idea di suddividere gli alunni in gruppi che si alterneranno e di sfruttare anche spazi esterni , in modo da poter rispettare facilmente le distanze di sicurezza.

Per esempio nei giardini di Castel Trauttmansdorff si potrebbe insegnare scienze naturali e biologia.

Per garantire agli studenti e agli insegnanti di arrivare a scuola in un modo sicuro, dovrebbero essere resi disponibili scuolabus che sono esplicitamente organizzati per studenti, insegnanti e per il personale scolastico

 

Per il futuro spero che la scuola torni ad avere un ruolo centrale e che la si smetta di tagliare i finanziamenti e che si assumano i tanti professori precari, che si torni ad investire nell’edilizia scolastica. Perché la scuola è un diritto sancito anche dalla nostra Costituzione ed è il fondamento di una società moderna e matura.