Förderverein Beda Weber: viaggio culturale

Un viaggio letterario nella Trieste di Rilke, Svevo, Joyce

Si è appena concluso il viaggio a Trieste del Förderverein Beda Weber. Un viaggio dedicato alla lettura recitata di componimenti poetici, citazioni, stralci di racconti. Numerosi gli autori che hanno accompagnato con le loro emozioni, con le loro riflessioni, con le loro testimonianze, la visita alla città e ai castelli di Duino e Miramare. Patrick Rina, noto giornalista dell'ORF, ma anche ex alunno del Beda Weber, ha preparato con cura passo passo l'itinerario e soprattutto i testi da cui leggere. Ha poi prestato la sua voce e la sua maestria recitativa nella lettura ad alta voce in numerosissimi luoghi della città.
Consigliato da Paolo Rumiz, Patrick Rina ha contattato come guida triestina Paola Alzetta. Gentile, esperta, coltissima, allieva di Magris e perfettamente a casa sua nella lingua di Goethe, è riuscita a far conoscere gli intrecci amicali, i reciproci influssi di scrittori e artisti che vissero nella città cosmopolita per eccellenza, dove gli incroci linguistici e culturali oltre che religiosi e culinari avevano creato le basi per un microcosmo intellettuale senza pari.

Ecco solo alcuni dei testi letti.

Carolus Cergoly
Fermo in poltrona

Carpinteri & Faraguna
Le Maldobrie

Italo Svevo
Senilità

James Joyce
Ulisse

Umberto Saba
Il piccolo Berto

Rainer Maria Rilke
Elegie Duinesi

Claudio Magris
Microcosmi

Claudio Magris
Danubio

Veit Heinichen
Trieste, la città dei venti